Sono ufficialmente partiti i primi servizi sperimentali del progetto che verranno garantiti a titolo
gratuito ai cittadini di tutto il territorio provinciale di Viterbo.


Il progetto R.A.F.F.A.E.L.– Redesigning Activities in a Family Friendly wAy in VitErbo’s workpLaces infatti, finanziato nel 2019 dal Programma Europeo per l’Occupazione e l’Innovazione sociale (EASI2014-2020), ha l’obiettivo di sviluppare nella Provincia di Viterbo un modello innovativo di servizi per la conciliazione vita-lavoro che si basa sulla collaborazione tra organizzazioni pubbliche e private e sull’integrazione delle misure di welfare pubblico e aziendale.

La Provincia di Viterbo, capofila del progetto, ha avuto un ruolo cruciale nel coinvolgimento degli attori locali, sia pubblici che privati, per la condivisione di conoscenze ed esperienze, per l’ attuazione di servizi innovativi di conciliazione vita-lavoro e per la promozione di un cambiamento verso una cultura orientata alla conciliazione tra vita privata e lavoro. A tal proposito è stato costituito il tavolo provinciale per lo sviluppo di politiche e servizi di conciliazione presieduto dal
Presidente della provincia di Viterbo Pietro Nocchi e partecipato da un’ampia rete di attori locali: i Comuni di Bassano in Teverina, Blera, Calcata, Canino, Caprarola, Montalto, Montefiascone, Nepi, Oriolo Romano, Proceno,Tarquinia, Vetralla, Viterbo e gli altri soggetti locali quali Alice Nova Coop. Soc., Anteas, ARCI Viterbo, Ass.ne Juppiter, AUSER Viterbo, Camera di Commercio di Viterbo, Consorzio Il Mosaico, Confcooperative Lazio Nord, CNA Viterbo, FederLazio, UECOOP, UnIndustria, Università della Tuscia.
Recentemente sono partiti i primi servizi sperimentali per la conciliazione che saranno gestiti da due cooperative sociali selezionate dalla Provincia di Viterbo: la Cooperativa Gli Aquiloni e la Cooperativa Gea.
L’emergenza sanitaria Covid-19 rende ancora più importante assicurare alle famiglie aiuti concreti per gestire l’assistenza dei soggetti più fragili, in particolare anziani, bambini e ragazzi; per questo, per tutto il periodo di emergenza, i servizi verranno garantiti anche in modalità a distanza. Tutte le attività del progetto rispettano le normative anticovid vigenti.

LEGGI DI PIU’ :  NEWSLETTER RAFFAEL_Dicembre 2020 (1)

 

Posted in Conciliazione vita-lavoro.